venerdì 31 gennaio 2014

21 Febbraio 2014: Altroquando alla Mondadori di Palermo


Stiamo per tornare...

Ne dubitavate?
Salvatore, il nostro mentore, fondatore, nostra anima, nei mesi della malattia aveva elaborato un piano B, qualora fossimo stati costretti a cedere la fumetteria. Altroquando è da poco rinato nella forma che Salvatore sognava, come associazione culturale. Forma più consona a quel coacervo di interessi e iniziative culturali è stata la nostra attività ventennale nella città di Palermo. Bene, ora è il momento di rimboccarsi le maniche e iniziare a fare sul serio.
Venerdì 21 Febbraio alle 17,30 ci troverete presso lo spazio eventi della Mondadori Multicenter di Via Ruggero Settimo a Palermo. Titolo della manifestazione? CI SARA' SEMPRE UN ALTROQUANDO (e a Palermo sarà sempre e soltanto quello fondato da Salvatore Rizzuto Adelfio). Sarà presente il sottoscritto (purtroppo sono Filippo Messina), il disegnatore Giuseppe Lo Bocchiaro, il giornalista Gianpiero Caldarella (autore del famigerato striscione "I Love Milingo") e modererà l'amico Fabio Capizzi, già presidente dell'associazione culoturale Palermo Fumetto e oggi salito a bordo per questa nuova avventura altroquandiana. 


Insieme presenteremo la neonata associazione Altroquando e i suoi progetti, parleremo della rivista satirica MAMMA! e del fumetto, pubblicato sull'ultima uscita, "Il guerriero dell'edificio 17a", in memoria di Salvatore Rizzuto Adelfio, firmato da Carlo Gubitosa e Giuseppe Lo Bocchiaro su testi dello stesso Salvatore.
Saranno esposti i ritratti che molti artisti palermitani e non hanno dedicato a Salvatore, sarà possibile acquistare la rivista MAMMA! e festeggiare insieme l'inizio del nuovo viaggio.
Vi aspettiamo numerosi. Seguiteci. Le sorprese non mancheranno.




domenica 19 gennaio 2014

Arriva Chozen!

 

Chozen, sitcom animata fresca di esordio negli Stati Uniti (l'episodio pilota è andato in onda il 13 Gennaio 2013 sul canale FX) è probabilmente una delle serie animate più innovative e particolari degli ultimi anni, o perlomeno avrebbe tutte le carte in regola per diventarlo.
Ambientata nel controverso mondo del rap, con tutto il corollario di malavita, droga, virilità in eccesso e provocazioni assortite, si colloca sin da subito fuori dagli schemi presentando un protagonista omosessuale. Primo punto di distanza, laddove la cultura rap (di cui Eminem è la caricatura estrema) vive spesso di omofobia e machismo ostentato. Altro elemento dissonante è la connotazione Bear dell'eroe e dell'eros che propone la sua estetica alternativa attraverso le oniriche cavalcate rap (di grande impatto la scena del ballo nella fontana).
 

Chozen è a suo modo una sorta di moderno e ironico conte di Montecristo tornato per prendersi la sua vendetta. Giovane ciccione dal cuore d'oro e aspirante rapper che finisce vittima dei maneggi di un collega, poi gangsta rapper affermato e senza scrupoli, che gli rovina la vita spedendolo in prigione innocente come capro espiatorio dei propri eccessi. Ma dopo dieci anni, Chozen emerge dalla detenzione trasformato. Da ingenuo cicciotto a orsone risoluto e carismatico, pronto a prendersi la rivincita contro il mondo dello spettacolo e quello che è diventato il suo principale nemico e concorrente. Chozen è un rapper fuori dagli schemi consueti, alternativo, che infrange i cliché principali del mondo di cui va alla conquista episodio dopo episodio. A dargli voce è il comico Bobby Moynihan che ricordiamo per la partecipazione a Saturday Night Live. In America, la comunità gay bear ha accolto la serie con simpatia, facendo in fretta di Chozen una nuova icona Bear che rompe gli argini e si presenta come un nuovo veicolo per sdoganare contenuti alternativi. Almeno in potenza. L'esordio è simpatico, e procederà su FX ogni lunedì. Non siamo certi che lo vedremo in Italia tanto presto. Pertanto, godetevelo in lingua originale... con i nostri sottotitoli in italiano. Li potete scaricare facendo clic sul link qui sotto, direttamente dal sito opensubtitle.org.  Tenete presente che lo slang, in questa serie, è la norma, e tradurre certi dialoghi, comprese le performance rap dell'eroe principale - infarcite di lazzi e oscenità fantasiose - non è affatto semplice. In alcune parti si è scelto di rendere il senso generale laddove una traduzione letterale non avrebbe aiutato la comprensione. 
Buon divertimento.
RIVALSA!